Area Sviluppo

Area VI Sviluppo
Sviluppiamo la nostra azione per prevenire e affrontare in modo efficace le vulnerabilita’ delle comunita’

Riconosciamo il valore strategico della comunicazione per dare voce ai bisogni umanitari delle persone vulnerabili. Puntiamo a garantire livelli sempre più elevati di efficienza e trasparenza, ad accrescere la fiducia dei beneficiari e di chi sostiene le nostre attività . A rafforzare e sviluppare la rete di volontari.

In particolare:

  • Aumentare la capacità  sostenibile della CRI a livello locale:
    Il Comitato adotta le campagne istituzionali di foundraising quali uova, torroni, panettoni solidali
  • Rafforzare la cultura del servizio volontario e della partecipazione attiva:
    Corsi di Accesso alla Croce Rossa Italiana svolti nel 2016:
    N. 2 Corso di Accesso, pari a 50 ore di attività  formativa per un totale di n. 30 corsisti paganti (quota iscrizione e quota
    associativa).
  • Assicurare una cultura di responsabilità  trasparente nei confronti dei nostri stakeholder:
    Per quanto possibile negli scorsi anni, la realizzazione di questo annual report ha proprio l’obiettivo di rendere pubblico le attività , i bilanci e i traguardi raggiunti dal Comitato Tusculum.
  • Adattare ogni azione all’evoluzione dei bisogni delle persone vulnerabili:
    La necessità  di tale intervento si inserisce in un contesto caratterizzato dal crescente numero di persone che si trovano in condizione di vulnerabilità , anche a causa dell’impatto sociale ed umanitario della crisi economica, nonchè dai recenti cambiamenti dell’assetto normativo ed organizzativo della Croce Rossa Italiana. Il rafforzamento della capacità  di
    mobilitare risorse di estrema importanza per garantire e migliorare la sostenibilità  dei servizi resi dalla Croce Rossa Italiana in favore delle persone che si trovano in condizione di vulnerabilità ; essa è altresì
    connessa con gli standard qualitativi e la pertinenza di tali servizi, nonché con l’accountability nei confronti
    dei beneficiari e dei partner.
    Favoriamo una cultura della progettazione comprensiva di monitoraggio intermedio e valutazione finale delle attività e dei servizi svolti.
    Questa modalità di lavoro, oltre a favorire la realizzazione di progetti e attività rispondenti ai bisogni della popolazione, favorisce il miglioramento dei servizi ed il raggiungimento degli obiettivi prefissati.
  • Mantenere gli statuti, regolamenti e piani d’azione in linea con le raccomandazioni e decisioni internazionali:
    L’Associazione ha al suo interno un codice etico molto elaborato e complesso sebbene i soci siano perlopiù volontari.
    Gli ideali del Movimento della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa si manifestano in tutto il mondo, non solo negli effetti tangibili del lavoro in innumerevoli città, villaggi e quartieri, ma anche in maniera da influenzare le mentalità e
    il cuore delle persone. La Croce Rossa e la Mezzaluna Rossa è percepita, in larga misura, come un “bene pubblico”: a disposizione di tutti, in tutto il mondo, per prevenire e ridurre la sofferenza umana. Tutto ciò che viene detto e fatto s’ispira ai Principi Fondamentali di Umanità, Imparzialità, Neutralità, Indipendenza, Volontariato, Unità e Universalità. Questi Principi sono basati su valori comuni, legati alle persone, all’integrità,
    al partenariato, alla diversità, alla leadership e all’innovazione, che guidano il modo di lavorare della Croce Rossa e Mezzaluna Rossa.
  • – Servizio Psicosociale:
    Migliorare la vita delle persone vulnerabili mobilitando il potere dell’umanità: questa è la Mission della Federazione Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa (IFRC), intesa come dare “la possibilità a ciascuno di raggiungere il massimo delle proprie potenzialità, di vivere con dignità una vita produttiva e creativa, sulla base delle proprie necessità e scelte, pur adempiendo i propri obblighi e realizzando i propri diritti”.
    Il supporto psicosociale facilita la resilienza nell’individuo, famiglie e comunità e diventa il programma trasversale e di eccellenza per la Croce Rossa proteggendo il benessere psicosociale dei beneficiari, personale e volontari.
    Il Servizio Psicosociale (SeP) della Croce Rossa Italiana si muove seguendo questi Principi Guida e, in particolare:
    – si propone di contribuire alle tematiche psicosociali;
    – supportare le iniziative messe in atto dalle Aree di intervento della Croce Rossa Italiana, nelle quali è organizzata l’attività della CRI, ponendosi come strumento trasversale utile per tutti;
    – rafforzare la rete di unità locali del Servizio Psicosociale attraverso un piano strategico basato sull’analisi dei bisogni e delle vulnerabilità della comunità alla quale è rivolto il loro operato.
    Il nucleo si indirizzerà a:
    – tutela del benessere organizzativo a favore di ogni socio della Croce Rossa Italiana con attività di tutoraggio del percorso all’interno dell’Associazione;
    – predisposizione di programmi formativi per il personale operante nelle diverse Aree al fine di renderlo consapevole dei risvolti psicosociali delle varie attività;
    – formazione di operatori qualificati in grado di costituire una massa critica che consenta alla CRI un efficace operatività delle Aree;
    – supporto allo sviluppo di progetti di attività per l’aspetto psicologico e psicosociale.